domenica 4 febbraio 2018

TMI | Zero Motivation

Oggi scrivo un post di pancia che esce un po' fuori dai miei soliti standard, non è da me scrivere della mia vita personale sul blog, ma ho deciso di mettere per iscritto alcuni pensieri e tentare di non dimenticarli, ma soprattutto per rendermi consapevole che ho bisogno di motivazione, di sostegno. Non sono mai stata una che chiede o pretende aiuto per cui questo post è ancora più difficile da scrivere per me.

foto presa dal web

Non so se ve ne siate accorti, ma da più di un anno ormai le foto che vi propongo con il passare dei mesi sono cambiate. Non in modo drastico, magari non per voi, ma io il cambiamento lo vedo ogni giorno e ogni giorno stento a riconoscermi nelle nuove foto che scatto. Insomma, la faccio breve: sono ingrassata, e tanto, e questa cosa mi crea più disagi di quanto vorrei ammettere. Da settembre 2016, ovvero da quando mi è stata trovata una cisti ovarica mediamente grossa, ho iniziato una cura ormonale che mi blocca il ciclo mestruale (condizione fondamentale per rallentare la crescita della cisti e a evitare i dolori atroci provati prima di capire che cosa avessi). Aggiungiamoci anche che non sono una persona sportiva, che faccio un lavoro estremamente sedentario, ma per fortuna ho una cultura del cibo piuttosto sana e mangio in modo equilibrato. Tutto questo, sommatosi alla mia pigrizia e al fatto che ho smesso di fumare a inizio 2017, mi ha portato a prendere almeno 15 chili indesiderati che ora vorrei far sparire magicamente. Il mio viso è cambiato: è più rotondo e paffuto, ho un doppio mento di cui mi vergogno terribilmente, i seni sono più grossi, i fianchi e le cosce sono cresciuti e, come dicevo, a volte fatico a riconoscermi allo specchio.

Perché dico questo? Perché fondamentalmente mi piango addosso, e so che non basta togliere sale, zucchero, dolci, bibite e mangiare 50 gr di pasta per ritornare al peso di prima, alla Silvia di prima ma so che scrivendo tutto questo, magari mi sentirò in colpa per quello che non ho fatto finora per rimediare a questa condizione. Andare in palestra, andare a camminare, avere uno stile di vita meno sedentario. Tutte cose che mi convinco di poter, dover e voler fare quando vedo i bellissimi post motivazionali di alcune amiche o quando vado a letto la sera e che, puntualmente, la mattina il mio cervello registra come cose che non sono in grado di fare. Come se una voce dentro di me mi dicesse che non funzionerà e non ne vale la pena. 

Scrivo tutto questo perché sì, ho bisogno di sostegno, di supporto, di qualcuno che mi sproni e perché i miei soli pensieri e sforzi di auto-convinzione non bastano. Scrivo tutto questo perché mi rendo conto che essere magri non significa necessariamente felici, ma io non voglio essere "magra", semplicemente vorrei tornare a riguardarmi allo specchio e a rivedere quella Silvia un po' paffuta ma in salute, quella che non si vergogna di mettere una gonna o di mostrare un bel decolletè. Scrivo tutto questo perché ad oggi mi sto muovendo per consultare un medico che mi aiuti con una dieta e nel frattempo iscrivermi in palestra, ma scrivo tutto questo perché serve a me per trovare la forza di dire a me stessa che sì, ne vale la pena e anche se c'è chi ha problemi decisamente più grandi, questo è il mio problema e devo venirne a capo, anche a costo di scrivere un post pubblico e chiedere spudoratamente aiuto e sostegno a chiunque voglia darmelo.

Nessun commento:

Posta un commento