lunedì 6 novembre 2017

MEMORABILIA

Qualche giorno fa mi sono messa in testa di svuotare un po' la mia collezione makeup di tutti quei prodotti che, de facto, non uso mai mai mai o prodotti scaduti diretti nel cestino. Così ho iniziato a tirar fuori ombretti mono, mascara scaduti e secchi, rossetti dai colori improponibili o che semplicemente non mi stanno bene come vorrei e, tra la marea di prodotti, ho ritrovato lui: il Rimmel London Kate 107 che avevo acquistato grazie all'enorme tam tam di tutta la comunità blogger verso gli inizi di questo blog. Parliamo circa del 2013-2014 a naso, quindi ecco, non certo ieri. E niente, avevo quasi il sentore di mandarlo in pensione perché ormai sono altre le cose che uso sempre e con soddisfazione, ma prima di eiettarlo ho pensato di indossarlo un'ultima volta per capire se era davvero arrivata la sua ora.

Ebbene, a rossetto sulle labbra mi guardo allo specchio e dico: NOT TODAY, SATAN!





Bello fragoloso, mediamente scuro, confortevole, durevole... Che je dovemo dì? Rimani al tuo posto, Kate 107, non è ancora il momento di separarci!

Ma non è mica finita lì, perché oltre al decluttering ho riorganizzato le mie palette di ombretti in cialda, e ho pensato di cambiare l'attuale sistemazione (avevo quasi tutti gli shimmer in Liberty 12 e 6, e gli opachi separati in un'altra Liberty 12 per comodità) con una forse meno pratica ma visivamente più diretta: gli opachi restano sempre tutti insieme appassionatamente, ma ho preferito sistemare gli ombretti shimmer e glitter per variazione di colore; tutti i blu, azzurri e celesti, quelli bronzo, oro e rame, e infine tutti i viola, lilla, violetti. In questo modo posso decidere velocemente cosa usare quel giorno e avere tutta la famiglia di colori in una sola Liberty più comoda e pratica da abbinare ai vari opachi singoli o in palette varie. Poi tra 2 mesi cambierò di nuovo, watch me!





In ogni caso, qui entra in gioco un altro must have di cui vi ho parlato fino alla nausea: Rust di Nabla. Penso di averlo usato fino allo sfinimento e non credo di poter smettere mai. E' il mio ombretto preferito di sempre, hands down. Addirittura i nuovi ombretti shimmere bright della Dreamy non sono alla sua altezza: questi sono burrosi ma fin troppo sottili, mentre Rust è burroso, ma pieno, intenso e con una passata sola c'è un colore sulla palpebre che Huda Beauty e Natasha Denona lèvatevi. Best eyeshadow evah.

Per questo makeup ho addirittuta usato l'eyeliner in gel che erano secoli che non usavo. Niente, avrò avuto un attacco di nostalgia quel giorno, perché mi sono spiaccicata in faccia tutti prodotti memorabili che non usavo da tantissimo tempo! E ne sono felice, è bello ogni tanto ritrovare prodotti tanto amati e ri-indossarli nel tempo per vedere se effettivamente sono rimasti gli holy grails di una volta.

PRODOTTI UTILIZZATI
Wet n Wild Photofocus Foundation, Nude Ivory
Catrice Liquid Camouflage concealer, 10 Porcelain
Catrice All Matte Plus powder
Nabla Cosmetics Blossom Blush: Satellite of Love*
Nabla Cosmetics Shade & Light, Monoi*
Nabla Cosmetics Brow Pot, Neptune + Brow Divine Uranus
Essence Brow gel, brunette
Milani eyeshadow primer
Nabla Cosmetics Dreamy Eyeshadow Palette e/s: Sistina,
Illusion, Seňorita, Immaculate, Dogma; E/S singles: Rust, Mystic*
Nabla Cosmetics Magic Pencil, Nude*
Kiko cream eyeliner, black
Essence Lash Stylist + Kiko Lash Concentrate top coat
Rimmel London Kate, 107

Anche voi avete attacchi di malinconia e nostalgia come questa cancretta qui, che si emoziona con un ombretto e un rossetto che ha più o meno l'età di almeno uno dei miei nipoti?

Quali sono i vostri holy grails un po' trascurati, ma mai dimenticati?
Fatemelo sapere qui sotto, alla prossima!

*I prodotti contrassegnati dall'asterisco mi sono stati inviati dall'azienda a scopo valutativo, ma non percepisco compensi né sono obbligata a parlarne sul mio blog. You know the drill!

Nessun commento:

Posta un commento