domenica 26 luglio 2015

Nabla Cosmetics Butterfly Valley - swatch e comparazioni

Dopo qualche era glaciale, eccomi qui di nuovo sul blog a scrivere qualcosa. Oggi vi parlo di parte della nuova collezione Nabla Cosmetics, Butterfly Valley, ricevuta come press sample dall'azienda, che ringrazio per la considerazione. In questo post, parlerò soltanto degli ombretti, mentre i due rossetti, Balkis* e Beverly*, avranno un post a parte prossimamente, insieme agli altri Diva Crime di cui non vi ancora parlato. 

SHAME, SHAME, SHAME. *ding ding ding* (cit.)


BUTTERFLY VALLEY - NABLACOSMETICS
-

Butterfly Valley è una collezione pensata per l'estate, con colori che rimandano a luoghi idilliaci e fantasiosi. Ma Nabla la descrive decisamente meglio di me, quindi eccovi la descrizione come da comunicato stampa:

Butterfly Valley è una valle incantata, incorniciata tra le montagne. Un luogo idilliaco dove l'acqua scorre limpida e le farfalle danzano al suo ritmo celestiale.
Una passeggiata di evasione attraverso i fiori che ornano il sentiero mentre la brezza di vento anima le foglie ed accarezza i capelli.
Un'alba di luna. Una notte chiara.
E poi il sole sorge piano e la luce che si diffonde soffice sfiora un sorriso, illumina una risata e dà vita ad ogni cosa. 
All'ombra luminosa di una nuvola rosa chiudo gli occhi, guardo più in là, oltre ogni confine. Una farfalla si posa sulla schiena, leggera come i miei pensieri. È un nuovo giorno che inizia.
PEACH VELVET
Pesca aranciato pastello
Petra - Caramel - Peach Velvet* - Bonbon (Neve Cosmetics)
Un colore dalla texture soft matte di cui mi sono innamorata instant. Anche se leggermente più aranciato di Bonbon di Neve Cosmetics, che io utilizzo come colore per asciugare tutta la palpebra e preparla per sfumare gli ombretti, anche Peach Velvet - se usato con un pennello largo da sfumatura - mi rende la palpebra esattamente dello stesso colore del mio incarnato. Non è un colore dalla pigmentazione altissima, ma è il classico colore che si utilizza per sfumare altri ombretti o per ombreggiare leggermente. Io, che ho un incarnato che vira al pesca, non lo uso per la piega dell'occhio perché non mi dà nessuna definizione ma è comunque validissimo come tonalità di transizione e, se siete più pallidine di me, probabilmente lo troverete adorabile come tocco di colore con un semplice eyeliner o di supporto a ombretti più scuri.

WILD SIDE
Marrone caldo medio
Caramel - Petra - Smocking (Elegantissimi) - Noisette (Elegantissimi) - Fossil - Wild Side*
Anche questo, come Peach Velvet, è un soft matte, un marrone di media tonalità utilissimo per le sfumature leggere o di transizione tra colori. Mi sta piacendo molto e ho provato anche ad utilizzarlo in sostituzione a Noisette di Neve per un leggero contouring. Mentre Noisette è quasi invisibile nella piega, Wild Side invece si presta bene per questo scopo: sfumato nella piega a supporto di uno smokey più o meno scuro, con un semplice eyeliner nero o colorato o a tutta palpebra per un look semplice ma definito. Per il contouring leggero che utilizzo di tanto in tanto invece prediligo ancora Noisette, decisamente meno intenso e meno caldo di Wild Side.

CLEMENTINE
Color mandarino di media tonalità con riflessi dorati
Rust - Aphrodite - Clementine*
Clementine è una sorpresa, se devo essere sincera. Con il tempo, ho imparato ad amare i colori che virano all'arancione e a far parte dei miei colori preferiti in alcuni look, ma continuo a preferire sempre tonalità "sporche" o leggermente più scure. Clementine è invece una piacevole scoperta perché, nonostante sia forse un po' troppo brillante per i miei soliti gusti, ha delle pagliuzze dorate che lo rendono meraviglioso e interessante e urlano estate da ogni dove. La texture è morbida, è pigmentato quanto basta da applicarlo serenamente sulla palpebra con solo un primer. Piacevole scoperta anche perché non ho nulla di simile a Clementine; ho voluto accostarlo a Rust e Aphrodite in particolare perché, insomma... Li avete visti tutti e tre insieme quanto sono belli? Ci scappa un bel trucco, mi sa.

BABYLON
Intenso verde petrolio
Twinkling Turquoise (matitone Essence) - Petrolio (Pastello Occhi Neve)
Costa Smeralda (Neve) - Pixie Tears (Neve) - Babylon*
Intenso è intenso e petrolio lo è di sicuro. Purtroppo non posso fare a meno di notare che per ottenere un effetto davvero intenso sulla mia palpebra, servano più applicazioni con il pennello per dargli la brillantezza che si merita. Il colore è bellissimo e le pagliuzze verdi-dorate al suo interno, con una base petrolio decisamente più scura di Pixie Tears di Neve Cosmetics lo rendono un color petrolio interessantissimo; unica pecca è che avrei davvero fatto i salti di gioia se avesse avuto la stessa texture burrosa e morbida di Rust, ad esempio. Devo ammettere che sono rimasta un po' delusa dalla scrivenza e dalla resa complessiva sulla palpebra, ma continuerò a utilizzarlo perché come tonalità è davvero fantastica, magari unito a una base scura potrebbe sorprendermi.

UNRESTRICTED
Duochrome prugna-bordeaux con intensi riflessi oro
Camaleonte (Neve) - Rust - Pupa Vamp Burgundy (501) - Unrestricted*
 
Fondente (Neve) - Unrestricted*

Save the best for last, si dice. E qui mi si colpisce proprio dritto al cuore. Un duochrome prugna-bordeaux con riflessi oro? Nailed it, Nabla. Sebbene la texture non si avvicini comunque a quella burrosa di Rust e dei suoi compagni bright (ad esempio Aphrodite o Extravirgin) è un colore pieno, pigmentato e decisamente d'impatto, grazie ai riflessi oro su questa base che, a un primo sguardo, sembra un marrone medio-scuro caldo, ma stendendolo sulla palpebra tira fuori il lato più prugna e bordeaux. L'unica pecca è che crea un po' di fallout durante l'applicazione, soprattutto dei glitterini dorati; in questi casi meglio truccare prima gli occhi e poi concentrarsi sulla base e non fare i pasticci che combino io e rischiare di andare in giro come Edward Cullen nei suoi momenti di gloria. Non ho pensato subito di metterlo vicino a Fondente di Neve Cosmetics perché non credevo fossero neanche cugini e invece devo ricredermi: il colore di base di Unrestricted è praticamente uguale se non indentico a Fondente, con la differenza però che il primo ha questi riflessi dorati che lo rendono interessante e particolare, mentre Fondente è totalmente opaco ma non meno splendido (e infatti è tipo uno dei miei holy grails di sempre non a caso).

In conclusione, gli ombretti che secondo me valgono la spesa sono sicuramente Unrestricted per la sua particolarità, Peach Velvet per la sua praticità e Babylon se amate i color petrolio scuri come questo. Avrei preferito delle texture più classiche rispetto agli ombretti già proposti da Nabla, come ho già detto, ma trovo che siano comunque delle tonalità validissime, perciò se avete qualche rivenditore vicino a voi, andate a vedere con i vostri occhi se quache pezzo della collezione vi potrebbe interessare. Tipo Unrestricted. Uno a caso.

Cosa ne pensate di questa collezione? Avete già messo le mani su qualche ombretto o avete intenzione di farlo? Fatemelo sapere qui sotto con un commento. Presto arriveranno anche dei look in cui utilizzo sia gli ombretti che i rossetti della collezione. Abbiate fede, ritornerò!

*Gli ombretti contrassegnati dall'asterisco (*) mi sono stati inviati dall'azienda come press sample, ma non sono né obbligata né pagata per parlarne. Le mie opinioni rimangono, come sempre, sincere al 100%.

Nessun commento:

Posta un commento